il Resto del Carlino 5 ottobre 2019 RAVENNA CRONACA

«Basta aperture incontrollate» Mauro Mambelli rieletto presidente di Confcommercio

RIELETTO per acclamazione e altri cinque anni di presidenza per Mauro Mambelli. Così ha stabilito il Consiglio direttivo di Confcommercio Ravenna. Alla Vicepresidenza sono stati eletti, proposti dallo stesso Mambelli, Andrea Passanti

(vicario) e Giovanni Mazzini. Due le new entry all’interno del Comitato di Presidenza: Roberto Montanari e Roberto Pizzinelli. Consiglieri: Antonio Fersino, Patrizia Passanti, Raffaella Sangiorgi, Andrea Turchi, Giuseppe Verlicchi, Franco Zanchini. Ai nuovi componenti, Mambelli ha rivolto i migliori auguri di buon lavoro. E ha esposto le linee che verranno portate avanti nel nuovo mandato. «Dobbiamo avere e infondere coraggio – ha ribadito Mambelli –, quel coraggio che migliaia di imprenditori ogni giorno manifestano svolgendo la loro attività e dando lavoro a tantissime persone. Confcommercio è sempre pronta ad accompagnare le imprese, ad aiutarle, individuando le azioni, i processi e le tecnologie sui quali si deve investire ed operare. L’obiettivo è di far si che l’Associazione sia sempre più vicina alle imprese, rapportandosi in modo costruttivo e positivo con tutte le forze economiche della nostra realtà. Bisogna quindi essere forti e determinanti ed altrettanto decisi nell’accompagnare le imprese nell’innovazione e senza temere il confronto aperto». Nel corso del suo intervento, Mambelli ha analizzato molti temi attuali: tra questi l’approfondimento dei fondali del porto e l’Hub portuale, le crociere, il no triv, il progetto lidi, la ZTL, l’ordinanza antismog, le problematiche del forese, Dante 2021, l’Aeroporto di Forlì. Inoltre, Mambelli ha posto l’accento sul comparto turistico, motore di sviluppo, che se ben alimentato e gestito, può dare risposte economiche immediate al territorio. «Le imprese stanno attraversando una fase molto delicata, la situazione economica è in stallo e non si intravvedono miglioramenti entro la fine dell’anno. In questo quadro le scelte che verranno compiute, ad esempio sull’allargamento della Ztl, possono incidere profondamente sulle attività, penalizzandole, oppure con scelte diverse, aiutandole a restare sul mercato. Su questo tema, ma anche su altri, come il porto, oggi l’Amministrazione è chiamata a scelte determinanti per il futuro, o meno, delle aziende. IN PARTICOLARE, Mambelli si è soffermato sulla demografia delle imprese: secondo gli ultimi dati del Registro Imprese della Camera di Commercio, oggi nell’area ravennate si registrano 160 imprese in meno. A questo proposito Mambelli ha rilanciato l’esempio che ci viene dal Comune di Bologna che ha deciso di dire basta alle nuove aperture incontrollate di ristoranti, bar, negozi di vicinato e supermercati. Infine ha posto l’accento sulla riqualificazione dell’area dell’ex caserma Dante Alighieri e del progetto di rigenerazione che dovrebbe partire il prossimo anno.

0
0
0
s2sdefault

CONVENZIONI 2019