Ravenna: ecco il logo per il settimo centenario della morte di Dante Alighieri

Il logo e il naming ideati da Matilde Studio (Cesena) per rappresentare il settimo centenario della morte di Dante Alighieri sono quelli che hanno maggiormente convinto il pubblico del teatro Rasi, protagonista ieri sera

della procedura partecipata che ha costituito la fase finale della selezione con la quale l’Amministrazione comunale ha scelto di individuare l’identità visiva che rappresenti il settimo centenario dantesco del 2021 a Ravenna.

Per la proposta di Matilde Studio hanno votato 176 persone su 291.

Al secondo posto si è classificato il progetto proposto da Social Design srl (Firenze); al terzo quello di Menabò group (Forlì).

Scheda tecnica della proposta vincitrice, redatta da Matilde Studio

Il logo presentato è composto di tre elementi: Marchio, Logotipo e Payoff. Il marchio rappresenta il numero settecento, stilizzato utilizzando un motivo a tessere. La forma è completata dalla silhouette di Dante ripreso dall’iconico ritratto di Botticelli con alcune variazioni relative soprattutto alla corona d’alloro tesa a dare maggior risalto al profilo in monocromia. Come dettaglio ulteriore il marchio contiene, creata dalla sovrapposizione dei due cerchi, la forma dell’infinito, allo scopo di simboleggiare l’eternità divina espressa nel Paradiso e la memoria perpetua celebrata dai Ravennati nel culto del poeta. Lo schema policromo riprende accuratamente le tonalità utilizzate nei mosaici ravennati che, pare, abbiano ispirato lo stesso Dante nell’elaborazione di alcune immagini letterarie del Paradiso. In generale l’utilizzo di un marchio composito, creato da tante tessere e molteplici colori vuole anche essere il simbolo di una celebrazione formata da tante voci, esperienze, sensibilità particolari che cooperano alla celebrazione. Per quanto riguarda il nome scelto “Viva Dante” si è voluto sottolineare come il poeta, ancora oggi, rappresenti un punto di riferimento vivo per la città sia in termini di valori che di ispirazione artistica. Si è giocato quindi con la contrapposizione tra la celebrazione della morte e la consapevolezza di un’esperienza che vive, eternamente. Il nome, pur essendo in italiano, utilizza parole utilizzate spesso anche in ambito internazionale rendendo, assieme al payoff, il logo perfettamente fruibile anche da un pubblico estero mantenendo un imprescindibile carattere italiano. Il payoff condensa, sempre tenendo conto della fruibilità linguistica, il posizionamento temporale e geografico delle celebrazioni, evidenziando inoltre il ruolo di Ravenna nella vicenda umana di Dante.

I cittadini, nell'ambito della chiamata pubblica organizzata dal Teatro delle Albe - Ravenna Teatro per la rappresentazione del Purgatorio, sono stati invitati a scegliere l’immagine e la frase a loro parere più significativi e capaci di trasmettere l'insieme dei valori, delle attività e degli spazi che concorrono al programma delle celebrazioni dantesche nel 2020 e 2021. La partecipazione era comunque aperta anche ai cittadini non partecipanti alla chiamata pubblica per la rappresentazione del Purgatorio.

Nel corso della serata i tre loghi e i relativi naming, precedentemente scelti, tra 29 proposte pervenute, da una giuria di qualità costituita da cinque esperti, sono stati illustrati al pubblico dagli ideatori per meglio far comprendere il messaggio che intendevano legare alla città, a Dante e ai valori universali e plurali della sua opera. Le 29 proposte sono arrivate da diverse parti d’Italia e anche dall’estero: Ravenna, Riccione, Bellaria, Mirandola, Bologna, Firenze, Russi, Lugo, San Giovanni in Marignano, Messina, Milano, Forlì, Rimini, Mosca, Faenza, Slovenia, Cesena, Caltagirone, Roma, Cagliari, Bagnacavallo, Siviglia.

Conclusa la presentazione si è passati alla votazione, presentando un documento di riconoscimento, tramite una scheda da introdurre in un’urna. Il voto si è concluso alle 22 e si è poi svolto lo scrutinio, pubblico, al termine del quale è stato annunciato il vincitore.

La proposta vincitrice sarà premiata con un premio di quattromila euro. Il secondo e il terzo classificato riceveranno rispettivamente un premio di duemila euro e di mille.

Il Comune di Ravenna affiderà il servizio di ideazione e progettazione di una declinazione esecutiva dell'immagine coordinata all'ideatore del progetto classificato al primo posto.

Nella prima fase della selezione la giuria ha esaminato i progetti nel rispetto del loro anonimato, in base ai seguenti criteri: caratteristiche concettuali, estetiche, espressive; efficacia comunicativa e qualità della proposta in ordine alla relazione tra Ravenna e Dante; funzionalità e applicabilità ai diversi utilizzi e contesti istituzionali.

0
0
0
s2sdefault

CONVENZIONI 2019